home

Quali cookies?
Informativa estesa in linguaggio non giuridico

Adesso non venitemi a dire che siccome compare la parola protocollo quest'articolo non fa per voi. Eddai, per favore!

Dal greco πρῶτος (prôtos, "primo") + κόλλα (kólla, "colla"), era il termine con cui si indicava la prima pagina, incollata su un manoscritto, che recava le direttive per la lettura del contenuto. Per estensione, una guida procedurale per la fruizione di un testo. Niente di nuovo. In pratica, un protocollo è necessario quando coloro che maneggiano il testo non sono in grado di comprenderlo. Per questo i computer usano tanti protocolli.

Un computer non è monolitico, ma composto di varie parti. La parte che esegue la procedura descritta da un certo protocollo viene spesso identificata con il protocollo stesso. Una seconda parte può usare la prima per eseguire un secondo protocollo. In questo modo si può progettare una suite (o stack, "mucchio") di protocolli appoggiati uno sull'altro. La parte di software che esegue uno dei protocolli di una suite dialoga con la parte sua pari di un computer remoto. In questo modo si trasferisce del testo, ovvero si comunica.

Inizio paginasu

Hippie

Jon Postel Richard Stallman and Julian Assange A sinistra: Jon Postel, compianto redattore della serie di documenti denominati RFC (Request for Comments, "richiesta di dichiarazione") nei quali sono definite le specifiche dei protocolli internet. Il software cosiddetto "libero" ha avuto un ruolo di primo piano nella sperimentazione e realizzazione di questi protocolli, sopratutto agli esordi. Aggiunta ott 2018 Nel ventesimo anniversario, c'è chi ricorda l'epitaffio scritto da Vint Cerf allora, un utile documento per chi è interessato alla storia di Internet.

A destra: Richard Stallman (a sinistra) fondatore di Free Software Foundation e GNU, qui ritratto con Julian Assange di WikiLeaks mentre reggono una foto di Edward Snowden sotto alla quale appare la scritta "yes we can" (da fossforce).

Negli anni '80 la suite di protocolli basata su Transmission Control Protocol e Internet Protocol (TCP/IP) prese il sopravvento rispetto ad altri modelli di rete, quali il modello OSI o token ring, perché era più semplice e funzionante. Le suite di protocolli X.400 e X.500 erano studiate per permettere il controllo da parte di autorità precostituite. I governi e certa industria favorivano la loro adozione. Ma la gente ha scelto la suite TCP/IP, concepita con l'intento esattamente opposto. In questo modo, il lavoro di Postel, Stallman, e tanti altri, che sarebbe potuto sembrare meramente tecnico, ha provocato quella che si può ben chiamare una rivoluzione popolare.

Aggiunta feb 2017 Snowden viene raccontato anche da Tzvetan Todorov, recentemente scomparso, nel suo "Resistenti", assieme a Etty Hillesum, la giovane deportata ad Auschwitz, all'oppositrice antinazista Germaine Tillion, ai grandi scrittori russi Boris Pasternak e Aleksandr Solzenicyn, ai paladini dei diritti dei neri Nelson Mandela e Malcolm X, e al pacifista israeliano David Shulman.

Inizio paginasu

HyperText Transfer Protocol (HTTP)

HTTP è il protocollo per trasferire pagine web, ossia pagine scritte in HTML —un sistema per contrassegnare il testo che originariamente prevedeva poco più che collegamenti, immagini, titoli, grassetto, e corsivo. Quest'accoppiata ha dato vita al World Wide Web, che a sua volta ha causato l'accesso a Internet in massa all'inizio del millennio.

Gli Uniform Resource Identifier (URI, "identificatore di risorsa uniformato") iniziano con l'identificazione del protocollo, come in http://www.tana.it/privacy.html che identifica questo file. Questo tipo di URI, che oltre a identificare permette di accedere alla risorsa, viene chiamato anche URL (L per "locator").

Le prime versioni di HTTP comprendevano soltanto il trasferimento di file. Il browser invia una richiesta contenente l'URI. Il server invia una risposta seguita dalla risorsa stessa. Fine. Il browser può inviare una nuova richiesta, ma il server non ha modo di riconoscere che si tratta dello stesso browser di prima. In seguito fu introdotta l'autenticazione basata su nome e password, ma questa è a volte troppo e altre volte troppo poco. Per esempio, non serve identificarsi per definire quante righe per pagina si vogliano in risposta a una data richiesta. D'altra parte, lo stesso utente potrebbe voler impostare un numero di righe diverso quando usa un computer diverso. La possibilità di gestire lo "stato" dell'interazione tra un utente e un server venne proposta da Netscape nel 1994. Questa definiva un dato aggiuntivo, chiamato cookie, della forma RIGHE_PER_PAGINA=30, che il server assegnava al browser e che il browser avrebbe inserito —senza modificarlo e senza capirlo— in ogni successiva richiesta allo stesso server, fino alla scadenza del cookie.

La proposta storica prevedeva una lunghezza massima di 4Kb (4096 caratteri). Lo standard attualmente proposto, RFC 6265 ha lasciato cadere questa particolare limitazione, dato che una lunghezza ragionevole resta comunque sottintesa in quanto i cookie fanno parte della richiesta, che non dev'essere troppo lunga. Inoltre sono previste diverse possibilità per limitare o verificare l'utilizzo dei cookie, anche in considerazione della privacy.

Cookie in senso lato

Nel Parere 04/2012 relativo all’esenzione dal consenso per l’uso di cookie adottato dal gruppo di lavoro europeo per la protezione dei dati si fa esplicito riferimento all' RFC 6265, ma al tempo stesso si include ogni altra tecnologia "simile". L'introduzione recita:

Tale obbligo si applica a tutte le tipologie di informazioni sottoposte ad archiviazione o ad accesso nell’apparecchiatura terminale dell’utente, sebbene il dibattito si sia incentrato principalmente sull’impiego dei cookie come definiti in RFC6265. Pertanto, benché il presente parere descriva l’impatto del nuovo articolo 5, paragrafo 3, sull’uso dei cookie, non si deve intendere tale termine in senso esclusivo rispetto a tecnologie simili.

Queste "tecnologie simili" sono le più svariate. Per esempio, una pagina HTML può contenere un'immagine, visibile o invisibile, la cui URI comprende, direttamente o indirettamente, gli stessi dati utili a profilare un utente che avrebbero potuto essere trasmessi in un cookie. Oltre alle immagini, gli script (JavaScript, JSON), gli iframe, e gli object sono tra gli elementi HTML frequentemente usati allo scopo di tracciare o profilare gli utenti. Dunque, mentre il parere 04/2012 correttamente intende rivolgersi allo scopo per il quale un server è stato programmato, può risultare fuorviante quando un utente gestisce le impostazioni del browser relative ai cookie, che invariabilmente saranno relative ai cookie in senso stretto.

Quello che era stato chiamato "web 2.0" comprende la possibilità di inviare richieste HTTP e ricevere risposte tramite Javascript, in modo del tutto indipendente dai click dell'utente e senza che questo corrisponda a una nuova pagina. I dati possono essere trasmessi e ricevuti in modo invisibile all'utente. Inoltre HTML5 comprende uno storage (detto anche Local Storage, "spazio di archiviazione locale") di decine di MB, cioè migliaia di volte più ampio di un cookie. Alcuni browser permettono di ispezionare questo spazio, ma questo non ha nulla a che vedere con i cookie (in senso stretto).

Rispetto agli scopi, la normativa europea presenta due criteri di esenzione, denominati A e B, in cui i cookie (in senso lato) sono necessari per il servizio richiesto. Oltre a questi, vengono ammessi anche i cookie "analitici", usati allo scopo di compilare statistiche anonime di accesso ai server. Gli altri —i cookie usati per monitoraggio e pubblicità di terzi— devono essere annunciati tramite un banner.

Per l'informativa, su questo sito non ci sono banner, né richieste di consenso informato, né pubblicità. Il lettore attento avrà notato che per sapere se un utente ha dato o negato il consenso all'uso dei cookie è necessario includere questo dato nello "stato" dell'interazione tra server e utente; vale a dire, è necessario usare un cookie. Questo sarebbe un cookie di criterio B. Così si capisce perché è necessario esentare questi cookie, cosiddetti "tecnici".

Tecnicamente, non è possibile neppure compilare una lista esaustiva delle infinite tecniche con cui programmare cookie in senso lato, lasciamo perdere individuarle o disabilitarle. Cionondimeno, dopo il fallimento di alcune iniziative di autoregolamentazione (per esempio Do Not Track), alcuni ricercatori ritengono che "i produttori di browser debbano assumersi l'enorme responsabilità di mediare il contrasto tra gli interessi degli utenti per la propria privacy e quelli dell'industria pubblicitaria" (da Tracking Protection in Firefox for Privacy and Performance; la sostanza del meccanismo di protezione proposto consiste nel mantenere una lista dei siti comunemente noti per profilare gli utenti, e bloccare le richieste dei browser verso tali siti.)

Pubblicità

Dai primi, timidi annunci sui giornali di fine '800, la pubblicità ha via via invaso ls radio, la televisione, Internet, e il telefono. Tutti i mezzi di comunicazione. Economicamente, la pubblicità si offre di pagare non solo i costi di stampa e di trasmissione, ma anche i costi e il tempo che i giornalisti, blogger, e ricercatori usano per comporre il contenuto vero e proprio. Senza pubblicità è necessario ricorrere agli abbonamenti, che gli utenti non sembra abbiano voglia di pagare. Vale a dire, gli utenti sono in qualche modo sospinti a pagare in natura, prestando attenzione ai messaggi pubblicitari che vengono loro impressi. Questa forma di pagamento sfugge ai normali criteri economici, perché chi viene pagato non è la stessa persona che svolge il "lavoro" —prestare attenzione.

Sarebbe interessante valutare quale sia il peso della comunicazione e dell'attenzione rispetto ai concetti di primario e secondario lasciatici in eredità dalla rivoluzione industriale. Rispetto alla direzione del flusso di informazione, un'impressione è l'opposto di un voto, sia questo espresso in cabina elettorale o come scelta nei consumi. In un caso si ascolta, nell'altro si parla. In questo senso, il marketing diretto sembrerebbe avere dei meriti, in quanto propone al potenziale consumatore di ascoltare solo i messaggi a cui è interessato. In pratica però non funziona. Rimane un metodo per spingere artificialmente i consumi, sia nell'effetto sia nell'intenzione.

Per valutare la potenza delle lobby pubblicitarie, basta tirare le somme sull'esito che ha avuto la normativa europea sulla privacy, ammesso che inizialmente fosse onestamente orientata alla tutela degli utenti. Esistono banche dati di nomi, profili, dati personali, sensibili e non. Questi dati sono trattati, comprati e venduti, spesso entro i termini della normativa. Gli interessati sono totalmente impotenti e non possono far valere i propri diritti per la semplice ragione che non hanno un elenco dei responsabili del trattamento cui hanno conferito i propri dati. In altre parole, le specifiche tecniche che regolano il conferimento dei dati personali sono concepite in modo tale da non permettere agli interessati di creare e aggiornare in modo automatico un tale elenco. Inoltre, chi imprime un messaggio pubblicitario diretto a una specifica persona non è tenuto a dire da quale banca dati attinge, né, in generale, a identificarsi. Nel caso della posta elettronica e quando viene usato uno specifico account, la normativa pone delle prescrizioni ma non definisce un protocollo grazie al quale sia possibile esercitare i propri diritti in modo semplice, facile e automatico.

Inizio paginasu